Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1385. L’arte fallite

 

Adesso ch’è la moda ggenerale
che ss’abbi da mutà ttutti li gusti,
e ttutto, all’occhi de sti bbelli fusti,
a ttempi antichi se1 fasceva male,

 

chi llavorava veste d’urinale,
ciprïa, tacchi, guardanfanti e bbusti,
pe l’ingiustizzia de sti tempi ingiusti
termina la vecchiaja a lo spedale.

 

nnun useno ppiú ddomenichini,2
perché ddescenza e ppubbrico decoro
nun ppiú mmarcanzia da figurini.

 

Ma llassino durà sta bbella jjoja,3
e, dde l’usanze vecchie, a ttempi loro
nun resteranno che ssovrani e bboja.

 

11 dicembre 1834

 




1 Si.

2 Servitori che dalle semi-dame si assumevano vestivano e pagavano nelle sole domeniche o altre feste per esserne seguite alla chiesa o al passeggio. Alla sera deponevano la livrea e tornavano alla lor libertà sino alla festa seguente.

3 Con questa frase è come si dicesse: «Un po’ più che questa storia la duri», ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License