Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1390. La fila de li Cardinali

 

Va’ vva1 er Cardinalume come piove,
si’2 bbenedetta l’animaccia sua!
Viè3 cqua, Sghiggna, contamoli: Uno, dua,
tre, cquattro, scinque, sei, sette, otto, nove,

 

diesci, unnisci, dodisci... Eh la bbua!
ttant’e ttante ste Minenze nòve,4
che, a vvolelli contà, nun te pòi move5
pe ttre o cquattrora de la vita tua.

 

Guarda che rriveree!6 Vedi che sfarzo!
Ecco poi si7 pperché llentrata pubbrica
dar capo-danno nun arriva a Mmarzo.

 

Te ggiuro ch’io me tajjerebbe8 un braccio
che aritornassi9 er tempo de repubbrica
pe dijje a ttutti: Cittadin cazzaccio.

 

12 dicembre 1834

 




1 Guarda guarda.

2 Sia.

3 Vieni.

4 Nuove.

5 Non ti puoi muovere.

6 Livree.

7 Se.

8 Mi taglierei.

9 Ritornasse.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License