Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1404. Le Minenze

 

Che vvò ddí1 una Minenza, sor Vitale?
ddí un mucchio de sassi, un montarozzo:
ddí una torre, una cuppola, un bozzo,2
un campanile, o un’antra3 cosa uguale.

 

Ma ssiggnifica puro4 un Cardinale.
E allora che vvò ddí? Una panza, un gozzo,
una marrana, una cantina, un pozzo,
un búscio5 de cassetta o ddurinale.

 

Dunque è mmatta la ggente che sse6 penza
che un Cardinale sii un omo granne
perché pporta quer nome de Minenza.

 

Nun zempre è pporco quer che mmaggna jjanne;7
e, cco llòro bbonissima liscenza,
l’omo, per dio, nun ze8 misura a ccanne.

 

25 dicembre 1834

 




1 Vuol dire.

2 Una bozza.

3 Un altra.

4 Pure.

5 Un buco.

6 Si.

7 Ghiande.

8 Non si.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License