Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1433. Le conzolazzione

 

«Ah ccommare! da cche1 nun m’hai vista
tu nun zai le disgrazzie c’ho ppatito.
M’è mmorto de passione mi’ marito
pe ttirannia der Monziggnor Zagrista.

 

De li mi’ fijji, uno ha pperzo la vista
pe li vaglioli,2 e un antro3 s’è incionchito.4
E a mmé, lo vedi?, er corpo me s’è empito
de malanni da fattene5 una lista.

 

Poi me moro de fame: in sta staggione
iggnuda e ssenza un straccio de lenzola;
e mme vonno caccià ppe la piggione.

 

Che ne dichi, Maria, de tante pene
«Dico, Ggertruda, una parola sola:
sta’ alegra, ch’er Ziggnore te bbene».

 

16 gennaio 1835

 




1 Da quando.

2 Pel vaiuolo.

3 Altro.

4 Attratto.

5 Fartene.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License