Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1434. Li stranuti

 

Io nun posso capí dda che ne naschi
che ssentenno la ggente li stranuti1


abbino da infirzà ttanti saluti,
e ggnente pe la tosse e ppe li raschi.

 

«Pròsite,2 bon pro, evviva, Iddio v’ajjuti,
doppie, filiscità, ppieni li fiaschi,
e ttìtera,3 e ssalute, e ffijji maschi»,
ché ar risponne4 saría5 mejjo èsse muti.

 

Quer negozziante de grescìli e ccreste6
disce che ttanti bbelli comprimenti
vvenuti pe ccausa d’una peste.

 

La peste ha da llommini aducati!
Saría7 come li Santi Sagramenti
inzeggnassero ar monno a ffà ppeccati.

 

16 gennaio 1835

 




1 Starnuti.

2 Prosit.

3 Et iterum.

4 Al rispondere.

5 Sarebbe.

6 Ventrigli e creste di pollo per guazzetti.

7 Sarebbe.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License