Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1442. L’arisposta de Teta1

 

La matina de Pasqua Bbefania,2
ar Nome de Ggesú,3 ddoppo avé intesa
l’urtima messa, in ne l’usscí da cchiesa
incontrai Teta che vvieniva via.

 

Me je fo avanti co la fiacca4 mia:
«Ebbè? ccome ve va, ssora Terresa?
Dico, nun ve l’avete5 pe un’offesa,
v’è gguarita la tale ammalatia?».

 

Azzeccatesce6 un po’, ppe ccristo d’oro!
La sora Terresina ebbe la cacca7
d’arisponne8 accusí: «Sto ccom’un toro».

 

Mentre che ppe rraggion de la patacca9
pare che, essenno femmina, er decoro
je dovessi10 ddí:11 ccom’una vacca.

 

18 gennaio 1835

 




1 Teresa.

2 Pasqua Epifania.

3 Chiesa al Corso.

4 Flemma ironica.

5 Non ve l’abbiate.

6 Azzeccateci.

7 L’orgoglio.

8 Di rispondere.

9 Vedine il significato nel Son....

10 Le dovesse.

11 Far dire.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License