Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1444. Un pezzo e un po’, e un antro1 tantino

 

Io sto cco li proverbi, ch’è er mijjore.2
Come se3 disce? «O de pajja o de fieno,
bbasta er corpo sii pieno». Er prim’autore
dunque a sto monno è de er corpo pieno.

 

Cqua nun ze 4 ddissubbidí ar dottore:
quer che cqui sse(3) discorre è ssur piú e mmeno.
Pe un boccon d’avantaggio nun ze(3) more,
ché la grazzia de ddio mica è vveleno.

 

Quattro deta5 de vino, un po’ de ggnocchi,
dufonghi, un mozzichetto de bbrasciola,6
è ccome ggnente,7 e ’r gnente è bbon per l’occhi.8

 

Bbe’, un fir de cascio. Oh, sta mollica sola
è impussibbile, fijja, che tte tocchi
nemmanco un dente, e nnun t’arriva in gola.

 

20 gennaio 1835

 




1 Altro.

2 Ch’è il meglio che possa farsi.

3 Si.

4 Qui non si vuole.

5 Dita.

6 Braciuola.

7 Niente.

8 Proverbio moderno, che viene dall’antico vocabolo nihil, preso in senso di quel tal collirio di zinco usato anche oggi per medicare le oftalmie. L’errore comune sta nell’aver tradotto nihil per niente.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License