Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1448. L’editto su li poverelli

 

La Lègge parla chiaro: «Si1 ppe ssorte
sentirete accattoni sfaccennati,
li porterete tutti carcerati».
Viva l’orecchie de sta Santa Corte!

 

Ccusí Ccristo in ner punto de la morte
m’accordassi2 er perdon de li peccati,
come pe la scittà strilleno forte
in zur gusto de tanti indemoniati.

 

Strade, cchiese, caffè, scale, portoni,
osterie, trattorie, per tutto poveri;
e ggnisuno je roppe3 li cojjoni.

 

E nnoi, storditi da ’ggni parte, intanto
pe mmantené li pubbrichi aricoveri
pagamo sangue inzin zullojjo-Santo.4

 

21 gennaio 1835

 




1 Se.

2 Mi accordasse.

3 Rompe.

4 Sull’oliosanto.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License