Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1455. Le visite der Cardinale

 

La padrona sopporta quer zonajjo1


der Cardinale, pe ffà un stato ar fijjo,
e pperché in un bisoggno e in quarchincajjo,
sempre è cquellomo che ppò ddà un conzijjo.

 

Je se2 legge però llontano un mijjo
la noja, er vortastommico e ’r travajjo,
benché, ar venijje cquarche sbavijjo,3
se l’annisconni4 lei sott’ar ventajjo.

 

Vedi sta stanzia? Cqua cce viè un convojjo
de tutta ggiuventú dd’ogni miscujjo.
Bbe’, appena arriva Su’ Eminenza, è un ojjo.5

 

Lei, la padrona, se tiè6 ssù a la mejjo;
ma de tutto quel’antro guazzabbujjo
nun ce n’è uno c’arimani svejjo.

 

22 gennaio 1835

 




1 Sonaglio: minchione e peggio.

2 Le si.

3 Sbadiglio.

4 Se lo nasconda.

5 Silenzio perfetto.

6 Si tiene.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License