Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1476. La sepportura ggentilissima1

 

Sganàssete de ride.2 Er mi’ padrone
ha ddato scento scudi senz’usura
a li frati de San Bonaventura3
pe avé un zeporcro a ssudisposizzione.

 

Nun te pare un penzà ffor de natura?
Nu la credi una spesa da minchione,
c’uno ch’è ssenza casa e sta a ppiggione
abbi poi da crompà4 una sepportura?

 

Lui disce sempre a li fijji e a la fijja,
che cquella fossa apprivativa5 è un loco
che pprepara pe ssé e ppe la famijja.

 

Disce: «Fijjoli cari, da cqui avanti
cqua, ssi Ddio sci vvita, a ppoc’a poco
sci saremo inzeporti tutti quanti».

 

2 febbraio 1835

 




1 Gentilizia.

2 Sganasciati dal ridere.

3 Chiesa di Francescani riformati, sul Palatino.

4 Comprare.

5 Privativa.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License