Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1494. Tòta dar mercante

 

Dateme un telo de muerre onnato1


d’una canna, pe ffàna pollacchina
come le scarpe che ss’è mmessa Nina
la dimenica in arbis c’ha sposato.

 

Eppoi vorebbe doppo una ventina
de parmi de robbetta a bbommercato
de gran figura cor fonno operato
pe ffàna bbuttasú de bbammascina.

 

Eppoi vorebbe puro quarche pparmo
de fittuccia compaggna arta dudita
com’e cquella c’ho vvista a Ppiedemarmo.2

 

Ôh, eppoi... ch’edè?3 nun m’avete capita?
E io bbestia è da un’ora che mme scarmo!4
Oh annate annate a vvenne5 l’acquavita.

 

30 marzo 1835

 




1 Moerra ondata.

2 Strada di Roma, che da un piede colossale di marmo, situato presso un cantone, è detta di Piè-di-marmo.

3 Che è ?

4 Mi scalmo, direbbe un cittadino del buon ceto. Pare voce derivata dal verbo scarmare.

5 Andate a vendere, ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License