Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1497. ’Na precavuzzione

 

Pe strada oggni bbaggnato c’ha ffigura
d’un fonno de tinozzo o dd’un rotino,
quello, Ggiuvanni mio, nun è mmai vino,
ma acqua, e ppe lo ppiú, ppisscio addrittura.

 

Tu da quer logo llí scanzete, Nino,
perché appresso ar brodetto sc’è ppavura
che ppossi vení ggiú la ssciacquatura
e azzuppatte simmai1 com’un purcino.

 

Nun fidatte cor ccappunto er zito
dov’hanno ggià vvotato l’urinale
è ssempre ppiú ssicuro der pulito.

 

Er risico, lo so, sta dda pertutto;
ma intanto è ccerto che llí cc’è un zeggnale
che nun ze trova sur terreno assciutto.

 

aprile 1835

 




1 E azzupparti a buon bisogno.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License