Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1503. Er Vicario novo

 

Co sto Vicario novo, ar Vicariato
tristo cchi ccincappa, Gurgumella.
Oh adesso se ddí dda la padella
che ssemiti a la bbrascia,1 dio sagrato!

 

Ar meno, da quell’antro2 ch’è ccrepato,
Si3 ccera d’aggiustà cquarche cquarella,4
sce5 mannavi tu’ mojje o ttusorella,
e scontavi peccato pe ppeccato.

 

Quello, bbeata sia l’anima sua,
sapeva serrà un occhio a ttemp’e lloco;
ma cquesto li spalanca tutt’e ddua!

 

Ccusí Ccristo ppropio lo scecassi6
cor zor Grigorio, che mmette un bizzoco
drentar maneggio de l’affari grassi.

 

3 aprile 1835

 




1 Si può dire che dalla padella siamo iti alla bragia.

2 Altro.

3 Se.

4 Quercia.

5 Ci.

6 Cecasse.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License