Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1506. Er galateo cristiano

Sonetti 2

 

Una vorta, ar passà d’un Cardinale
in qualunque carrozza co l’ombrello,
le ggente s’affermaveno in duale,
e ttutti je cacciaveno1 er cappello.

 

E SsuEminenza, ar vede2 quer zeggnale
de stima, s’affacciava a lo sportello,
e ssalutava co rrispetto uguale
er granne e ’r ciuco,3 er ricco e ’r poverello.

 

Piano piano però lli ggiacubbini
nimmichi a mmorte de le bbone usanze,
ssò rriussciti a llevà ppuro4 stinchini.

 

Cos’è ssuccesso? In grazzia de ste panze5
oggi er Zagro Colleggio è a li confini
de nun zapé ppiú un cazzo6 le creanze.

 

5 aprile 1835

 




1 Si fermavano.

2 Al vedere.

3 Il grande e il piccolo.

4 Pure.

5 Panza, panzanera: nomi di spregio a gente abbietta.

6 Non saper più affatto.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License