Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1517. Er Padraccio

 

Vestí1 li fiijj? lui! Santa pascenza!2
Che ccentra lui co li carzoni rotti?
A llui jabbasta d’annà a li ridotti
a ggiucà a zzecchinetto; ecco a cche ppenza.

 

Ebbè, cquanno ho strillato? me udienza
com’er Papa rretta a li sciarlotti.3
Bbisoggna che l’abbíla4 io me l’iggnotti;5
nun c’è antro da , ssora Vincenza.

 

Tutto er mi’ studio è ppregà Iddio che vvinchi.6
cc’allora sce7 speri quarcajjuto
ma ppe avè mmeno carci in ne li stinchi.

 

Quela bbestiaccia io la conosco ar pelo;
e quanno torna a ccasa c’ha pperduto,
sora Vincenza mia, òprete scelo!8

 

14 aprile 1835

 




1 Vestire.

2 Santa pazienza.

3 Ciarlòtti, specie di uccelli. Questo è un proverbio popolare.

4 La bile.

5 Me la inghiottisca, me la inghiotta.

6 Vinca.

7 Ci.

8 Apriti cielo!, cioè: «che rovina!, che inferno!», ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License