Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1526. La Santa Pasqua

 

Ecchesce1 a Ppasqua. Ggià lo vedi, Nino:
la tavola è infiorata sana sana
d’erba-santa-maria, menta romana,
sarvia, perza, vïole e ttrosmarino.

 

Ggià ssò ppronti dall’antra sittimana
diesci fiaschetti2 e un bon baril de vino.
Ggià ppe ggrazzia de Ddio fuma er cammino
pe ccelebbrà sta festa a la cristiana.

 

Cristo è risusscitato: alegramente!
In sta ggiornata nun zabbadi a spesa
e nun ze penzi a gguai un accidente.3

 

Brodetto,4 ova, salame, zuppa ingresa,
carciofoli, granelli e ’r rimanente,
tutto a la grolia de la Santa Cchiesa.

 

19 aprile 1835

 




1 Eccoci.

2 Quando dicesi assolutamente fiaschetti, s’intende parlare di vino d’Orvieto, o più raramente di aleatico fiorentino.

3 Affatto.

4 Minestra di pane con brodo coagulato per via di uovi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License