Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

42. Er Moro de PiazzaNavona

 

Vedi llà cquela statua der Moro
c’arivorta la panza a Ssantaggnesa?
Ebbè, una vorta una Siggnora ingresa
la voleva dar Papa a ppeso d’oro.

 

Ma er Zanto Padre e ttutto er conciastoro,
sapenno che cquer marmoro,1 de spesa,
costava piú zzecchini che nun pesa,
senza nemmanco valutà er lavoro;

 

je fece arrepricà ddar Zenatore
come e cquarmente nun voleva venne2
una funtana de quer gran valore.

 

E cquellingresa che ppoteva spenne,
dicheno che cce morze de dolore:
lusciattèi requia e scant’in pasce ammenne.

 

25 agosto 1830 - De Peppe er tosto

 

 




1 Marmo.

2 Vendere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License