Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1575. Er chiacchierone

 

Sia mmaledetto li mortacci tui!
E a tté cquanno che pparli chi tte tocca?
Strilli, cristo de ddio, com’una bbiocca,
e vvòi llègge a li discorzi artrui?

 

Oh gguarda llí cche pprotenzione ssciocca
che nun z’abbi da li fatti sui!
Saría mo bbella pe ddà ggusto a llui
c’uno s’avessi da cuscí la bbocca.

 

Pare co cquela vosce de cornacchia
la ttromma der giudizzio univerzale
e all’antri je mmette la mordacchia!

 

O cciarle bbelle, o bbrutte, o nnove, o vvecchie,
quanno er zentí ddiscorre ve fa mmale,
schiaffàteve1 un toppaccio ne l’orecchie.

 

29 settembre 1835

 




1 Ficcatevi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License