Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1585. L’arte moderne1

 

Questo pellarte2 è un gran zecolo raro!
Viè er padrone e mme disce: «Furtunato,
va’ cqui ggiú da Scipicchia er mi’ libbraro,
che tte dii quer Bruttarco3 c’ho ccrompato».

 

Vado, lui me un libbro, e, «Ffratel caro,
disce, guardate che nun è ttajjato».
Io me lo pijjo, e usscito che ssò4 ar chiaro
l’opro e mmaccorgo ch’è ttutto stampato.

 

Stampà un libbro va bbe’; mma inventà llusi
da potesse poté5 stampà la stampa
su le facciate de li fojji chiusi!

 

Io sce scommetto, che ssi cqua sse6 campa
un po’ ppiú a llongo, l’ommini mmusi7
da fa scrive8 un zomaro co la zampa.

 

21 agosto 1835

 




1 Le arti moderne.

2 Per le arti.

3 Plutarco.

4 Sono.

5 Da potersi potere.

6 Se qua si.

7 Gli uomini sono capaci.

8 Fare scrivere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License