Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1589. Le perziane

 

Nonna mia parla sempre de le stole1


der tempo suo su le finestre umane.
Ma cce s’ha da impiegà ttante parole
mentre adesso sciavemo2 le perziane?

 

La perziana llusce e appara3 er zole,
aria e afferma4 piogge e ttramontane.
E nun fussantro, ste ducose sole5
de nun favve6 entrà mmai mosche e zzampane!

 

Io so che inzin da quanno dar zor Pietro
hanno armato7 perziane, nun pòi crede,8
la grandina nun j’ha ppiú rrotto un vetro.

 

Pe le donne poi metti in capo-lista
che ddietr’a le perziane una vvede9
li fatti di chi vvò10 ssenza èsse11 vista.

 

23 agosto 1835

 




1 Stuoie.

2 Ci abbiamo: abbiamo.

3 Ripara.

4 Ferma.

5 E non fosse altro, che queste due cose sole.

6 Di non farvi.

7 Armare una cosa: metterla, cavarla fuori, introdurne l’uso.

8 Non puoi cedere, qui vale: «incredibile a dirsi».

9 Può vedere.

10 Chi suole.

11 Essere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License