Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1642. La zitella ammuffita

 

È inutile pe mmé, ssora Nunziata,
de dimannamme si1 mme faccio sposa.2
Io nun Llutucarda, io nun Rrosa,
pper èsse bbervorzúta3 e ariscercata.

 

Ppe mmé ppovera mmerda è un’antra cosa.
Nun me inzinadesso maritata,
e ccreperò accusí; perch’io nnata
sott’a cquella stellaccia, pidocchiosa.

 

Ciarlàveno der coco; ma ssu cquello
nun c’è vverzo da facce4 capitale:
sta ppiú fforte der maschio de Castello.

 

Bbasta, aspettamo un po’ sto carnovale,
si ccapitassi5 quarche scartarello:
lassàmo ar Ziggnore e a Ssan Pasquale.6

 

13 settembre 1835

 




1 Se.

2 Pronunziato coll’o stretta.

3 Per esser benvoluta, amata.

4 Da farci.

5 Se capitasse.

6 San Pasquale Baylon, protettore delle giovani da marito.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License