Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1653. Vatt’a ttené le mano1

 

«Marta. Oh Marta!». «Ch’edè2 «Mmarta». «Che vvòi
«Porteme ggiú er tigame de la colla».
«Venite a ppijjavvelo3 da voi,
ch’io sto ar foco a ssuffrigge la scipolla».

 

«Io nun posso lassà, cché cciò una folla
de cose da finí». «Sse4 ffanno poi».
«Vedi, Marta? Eppoi dichi uno te bbolla!».5
«Oh ccanta». «Marta, dico: ànimo, a nnoi».

 

«C’avete, padron Peppe,6 che strillate
«Ôh, mmastro Checco:7 l’ho cco cquela strega
che mme porti la colla». «Ebbè, aspettate.

 

Eccheve8 er callarello der padrone:
tanto noi sserramo la bbottega».
«Grazzie, e cco bbona ristituzzione».

 

16 settembre 1835

 




1 Vatti a tenere le mani.

2 Cos’è?

3 A pigliarselo.

4 Si.

5 E poi dici, e poi ti lamenti se uno ti segna.

6 Giuseppe.

7 Francesco.

8 Eccovi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License