Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1664. La datìva riddoppiata

 

Riddoppià le datìve senz’editto!
E a cchi ssincoccia a nnun volecce crede,1


àprijje un tiratore e ffajje vede2
un scàccolo de carta manoscritto!

 

Ah, cqua, pper dio!, nun ze3 cammina dritto!
E ppe ppiantà le cose su sto piede
ce 4 un Papa nimmico de la fede
ppiú der re Ffaraone de l’Iggitto.

 

Un galantomo che ss’è mmesso a pparte
er zòlíto ssciroppo,5 in cuncrusione
le mezz’once l’aritrova quarte.

 

Hanno raggione lòro, hanno raggione.
Tutt’er torto l’ha aúto Bbonaparte
che nun ha ffatto lavorà er cannone.

 

20 settembre 1835

 




1 Si ostina a non volerci credere.

2 Fargli vedere.

3 Non si.

4 Ci vuole.

5 Sciroppo, cosa grave a sofferirsi, come in questo caso una tassa.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License