Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1681. Li canti dell’appiggionante

 

Sempre accusí: le solite canzone.
Appena le galline vanno ar pollo
lui principia a sfogasse1 cor zuAppollo2
e lo scongiura a sson de calasscione.

 

E jje dichi cantante a un cannarone
che ccanta in chiave de merluzz’a mmollo?
Cosa, peCristo, da tirajje er collo
 eppoi fajje l’essequie der cappone.

 

È un gran che de sentisse3 in ne l’orecchie
tutta la santa notte stanticòre!
Sai quanto è mmejjo er mal de le petecchie?

 

annata4 in pulizziana vorta o ddua:
e ssai che mm’ha rrisposto Monziggnore?
«Che cce volete ? Sta a ccasa sua».

 

26 settembre 1835

 




1 A sfogarsi.

2 Col suo Apollo.

3 Di sentirsi.

4 Sono andata.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License