Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1682. Lo sposo1 de Nanna Cucchiarella

 

Sarà ttísico er vostro maritaccio,
sora bbrutta maliggna sputa-fele,
ma nnò er regazzo2 mio, ma nnò Mmicchele,
che smovería Castello cor un braccio.

 

Io l’ho sscerto3 co ttutte le gautele,4
e in questo so bbe’ io cosa me faccio.
Mosscio a Mmicchele mio! Micchele un straccio!
Fijja, santa Luscìa occhi e ccannele.5

 

Lo so io si cchedè:6 rrosicarella7
de nun avello voi; ma in questo tanto8
squacqueraquàjjasquícquera,9 sorella.

 

Tisico a cquer gigante, a cquer campione,
a cquer colosso che ppò ddasse er vanto10
d’un par de porzi da corcà Ssanzone!11

 

26 settembre 1835

 




1 Pronunziato con due o chiusi.

2 L’amante.

3 L’ho scelto.

4 Cautele.

5 Frase che vale: «siete cieca».

6 Lo so che è, lo so io cos’è.

7 Rodimento invidioso.

8 Ma circa a questo.

9 Parola di dileggio.

10 Può darsi il vanto.

11 D’un paio di polsi da colcare Sansone.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License