Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1722. La vedova dell’ammazzato

 

Bbette l’hanno ammazzato: ma, ccommare,
nun era peggio de morí1 in priggione?
Fijja, bbisoggna fasse2 una raggione:
nissuno mmorì ccome je pare.

 

L’affare de la morte è un cert’affare
che nun ze spiega.3 Vedi Napujjone
ch’è stato quer ch’è stato? Ebbè, er padrone
de la terra nun morze4 immezzar mare?

 

Chi la pprevedé sta morte porca?
Se more5 a lletto suo, a lo spedale,
in guerra, all’osteria, sur una forca...

 

Certe cose le regola er Ziggnore.
La morte è in man de Ddio. Se6 sa, ffijjola,
dove se nassce e nnò ddove se more.

 

29 ottobre 1835

 




1 Di morire.

2 Farsi.

3 Non si spiega.

4 Non morì.

5 Si muore.

6 Si.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License