Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1723. La vedova dell’ammazzato

 

Pe cconzolamme1 eh oggnuno me conzola:
«E ddatte pasce,2 e nun piaggne, Sabbella,3
e che vvòi ?...».4 Ma intanto io poverella
sentona mano che mme striggne in gola.

 

Se5 fa ppresto a infirzà cquarche pparola
quanno la man de Ddio nun ce fraggella.
Tutti bboni a ppredicà, ssorella,
ma la disgrazzia mia la sento io sola.

 

Chi lo poteva immagginà che ffossimo
a ccerti tempi de morí scannati
pe amà er Ziggnore e ppe ffà bbene ar prossimo?

 

Lo sa adesso er mi’ povero marito
che, in sconto forzi6 de li mi’ peccati,
è ffinito accusí ccom’è ffinito.

 

20 gennaio 1843

 




1 Per consolarmi.

2 Datti pace.

3 Non piangere, Isabella.

4 Che vuoi fare.

5 Si.

6 Forse.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License