Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1757. [Er còllera mòribbus]

 

Disce: sce alegria. , ccor un male
che ffaggni ggiorno discidotto mijja!
Ce poterà stà alegro un cardinale,
ma nnò un povero padre de famijja.

 

Vedesse1 cascà mmorti ar naturale
la mojje, un fijjo e mmó una fijja,
com’è vvero er peccato è un carnovale
d’annacce2 a sbeffeggià cchi sse ne pijja!

 

Saría3 curioso de sapé, ssi4 Llotte
lassava fijji immezzo a la Bbettàpoli,
si ttrincava lui poi tutta la notte.

 

Chi la penza da omo è er Re de Napoli,
che cconzijjato da perzone dotte
5 cche ppe un anno siino tutti scapoli.

 

18 agosto 1835

 




1 Vedersi.

2 Da andarci.

3 Sarei.

4 Se.

5 Vuole.

 

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License