Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1767. [Er còllera mòribbus]

19°

 

Sapete? er fijjo de Monzú Bboietto1


ha scuperto che un po’ de corallina
è la vera e fficaccia2 mediscina
pe gguarí sto fraggello bbenedetto.

 

Ma gguarda un po’ cchi cce l’avessi detto!
Che cquello che cce daveno in cuscina
co la pappa coll’ojjo la matina
fussi3 bbono da ttutto staffetto!4

 

Eh! a ccolazzione n’ho mmaggnata tanta
ne le pizzette fritte io da cratura!
E ppe li vermini è una mano santa.

 

Dunque er collèra è un vermine addrittura.
Ebbè ssi mmó5 sto vermine sciagguanta,6
nun annamo7 ppiú un cazzo in zepportura.

 

31 agosto 1835

 




1 Monsieur Boyer fils de Nîmes.

2 È la vera ed efficace.

3 Fosse.

4 Questo effetto.

5 Se ora.

6 Ci agguanta, ci afferra.

7 Non andiamo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License