Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1791. La morte de Madama Lettizzia

 

A ttutta sta gginía de Napujjoni
figurateve un po’ ccosa jimporta
si1 cquela vecchia de la madre è mmorta:
funerali de ggnocchi e mmaccaroni.

 

Sce2 faranno un tantino li piaggnoni
co lo scoruccio e la bboccaccia storta;
e appena che ssarà ffor de la porta
s’anneranno a spartí li su mijjoni.

 

Poi bbasta a rricordà cchi ffu er fratello
de sti bboni regazzi, pe ddiscíde3
che ccosabbino in core e nner cervello.

 

Ma la madre, dirai, l’arricchí llui.
L’arricchí llui, lo so; ma mme fai ride:4
lui l’arricchí ppe li finacci sui.

 

8 febbraio 1836

 




1 Se.

2 Ci.

3 Per decidere.

4 Mi fai ridere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License