Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1804. Li ritratti de lujjo

 

Sor mannatàro mio der Tibberino,1


lei nun zo ccosa diavolo se peschi
d’annà cchiedenno un pavolo pe Ffieschi
e ppe Mmorè, Bboirò, Bbesscè e Ppeppino.2

 

Ar monno d’oggi se3 starebbe freschi
a ppagà ddubbajocchi oggni assassino!
Me pare a mmé cc’a vvolé ddà un lustrino4
pettutt’e ccinque, ebbè ppuro arincreschi.5

 

Capisco, so6 rritratti; ma, cojjoni!,
nun ciaccommida7 a nnoi de ste spese
pe stasse8 a ccontemprà ccinque bbirboni.

 

Cinque vassalli un giulio! è ccosa bbuffa,
quanno c’avémo poi for de le cchiese
cinque Santi a bbajocco e ’r Papa auffa.9

 

8 marzo 1836

 




1 Parole dirette al camminatore della Direzione del giornale Il Tiberino, che andava offrendo un foglio coi ritratti de’ condannati del 28 luglio 1835, pel prezzo di un paolo.

2 Fieschi, Morey, Pepin, Boireau e Bescher.

3 Si.

4 Un grosso, o mezzo paolo d’argento.

5 Pure rincresca.

6 Sono.

7 Non ci accomoda.

8 Per istarsi.

9 Precise parole di un girovago venditore di stampe, che spacciava un rame con 5 santi canonizzati da Pio vii, e fra quelli il Papa canonizzatore.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License