Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1822. Er zettàrio condannato

 

, è mmale de somaro e ccavalletto!
Lui era scritto a una settaccia occurta1


e ppe cquesto er Governo nu l’inzurta,
je fa una grazzia a ffuscilallo in petto.

 

Sarvallo?! e ccome? Io, Momo,2 te l’ho ddetto:
si3 aveva modo de pagà una murta,
via, tanto e ttanto la Sagra Conzurta
l’averebbe trovato er vicoletto.4

 

Ma un omo senza un zanto che l’ajjuti,
un disperato che nun cià5 un quadrino
lo condanneno tutti li statuti.

 

Poi, se fuscila6 in de la schina,7 Momo?
Fuscilannolo in petto, anche assassino
ddí8 cche vva a mmorí da galantomo.

 

26 marzo 1836

 




1 Occulta.

2 Girolamo.

3 Se.

4 Il mezzo-termine.

5 Ci ha: ha.

6 Si fucila.

7 Nella schiena.

8 Può dire.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License