Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1825. Le donne litichíne1

Sonetti 3

 

Indovèlla, indovèlla2 sta caroggna
c’ha la ruganza3 de menà a mmifijja?
Essce4 fora, animaccia de cunijja5
e vvederai si cciò6 arrotate l’oggna.7

 

, llassateme stà, ssora Sciscijja:8
nun me tené, Mmaria, c’oggi bbisoggna
c’a cquella bbrutta sfrízzola d’assoggna9
me je dii durinnacci a la mantijja.

 

Va’, vva’, ppuzzona10 da quattro bbajocchi:
bbrava, serrete drento, mmonnezzara11 de scimisce, de piattole e ppidocchi.

 

Ma aritórnesce,12 sai, facciaccia amara?
Ché cquant’è vverIddio te caccio l’occhi
e li fo ruzzolà13 ppe la Longara.14

 

27 marzo 1836

 




1 Litigiose.

2 Dov’è dov’è?, quasi dove è ella, dov’è ella?

3 L’arroganza.

4 Esci.

5 Di coniglio, ed essendo femmina le dice coniglia.

6 Se ci ho: se ho.

7 Le unghie.

8 Signora Cecilia.

9 Gli sfrizzoli sono quelle pellicole mezzo asciutte che rimangono della sugna dopo colatone il grasso strutto.

10 Bagascia.

11 Sozzona.

12 Ritornaci.

13 Rotolare.

14 La Lungara, contrada in Trastevere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License