Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1848. La mollichella a ggalla

 

Ohé, llassa er lavore, Fidirica,
e vviè1 un momento cqua, ffamme er piascere.2
Viè a vvede3 sto pezzetto de mollica
che bber giuchetto fa ddrentar bicchiere.

 

Quann’è immezzo se move4 co ffatica
come fussi5 una dama o un cavajjere;
ma appena arriva accostar vetro, amica!,
se6 mette a ggaloppà ccom’un curiere.7

 

Zitta, sta’ attenta : gguarda che ffiacca!8
Occhi a la penna veh!9... mmó vva ppiú fforte...
Ecco!... l’hai visto, di’, ccome s’attacca?

 

Sto sciníco10 de pane che ss’è mmosso
nun paro11 tutto io, pasciocca mia,12
quanno ar vedette13 me t’affiaro14 addosso?

 

4 aprile 1836

 




1 Vieni.

2 Fammi il piacere.

3 Vieni a vedere.

4 Si muove.

5 Fosse.

6 Si.

7 Come un corriere.

8 Quale lentezza!

9 Attenzione, sai?

10 Cinìco: bricioletto.

11 Non paio, non sembro.

12 Mia bella.

13 Al vederti.

14 Mi ti avvento.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License