Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1867. Li padroni bbisbètichi

 

Dichi1 a la tu’ padrona ch’è indiscreta?
oh ssenti er mi’ sor Conte quant’è ccaro.
Disce: «Vàmme a ccrompà2 cqui dar libbraro
la pianta de la ssedia de Gaeta».3

 

Dunque io me crese4 de mmejjo, Teta,5
d’annà ppiuttosto a cchièdela ar zediaro.
Disce: «Io nun venno6 sterbe, fratèr caro:
le tierà7 er zempriscista coll’abbieta».8

 

Curro9 dar zempriscista: ebbè cquer manico
de panza10 disce: «Fijjo mio, ste piante
forzi11 sce l’averà llorto bbottanico».

 

Inzomma, a ffàlla curta, Teta mia,
nun trovai ggnent’affatto; e cquer gargante12
quanno c’aritornai, me cacciò vvia.

 

2 dicembre 1836

 




1 Dici.

2 Comperare.

3 Dell’assedio di Gaeta.

4 Mi credetti.

5 Teresa.

6 Non vendo.

7 Terrà.

8 Bieta.

9 Corro.

10 «Manico di pancia»: voce spregiativa della serie di minchione, ecc.

11 Forse.

12 Uomo di mala fede, o ingiusto.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License