Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1876. L’incontro der decane

 

«Ôh, vve trovo a la fine. È un’ora bbona,
sor Titta1 che vve scerco dapertutto
pe ppijjacce2 la solita cacona,3
come ve piasce a vvoi, de vinassciutto».

 

«Nun trattenemme, Andrea, ché mmommó4 ssona
mezzoggiorno e in cuscina ho da ttutto;
e pprima ho da ggirà ppe la padrona
a ordinà ppe stasera er mezzo-lutto».

 

«Perché?» «Pper ballo da l’imbassciatore».
«Ma mmezzo-lutto che vvò ddí, ssor Titta
«Che! nu lo sai? ddí mmezzo dolore.

 

Quanno una vedovella sderelitta5
acconcijjà6 la conveggnenza e ’r core,
va a bballà mmezzalegra e mmezzaffritta».

 

18 gennaio 1837

 




1 Signor Giambattista.

2 Per pigliarci.

3 Imbriacatura.

4 Or ora.

5 Derelitta.

6 Vuol conciliare.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License