Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1877. Er passo de le carrozze

 

«Quante carrozze pe Strada Papale!
Chi è cquesto che jje porteno l’ombrello
co ddufiocchi appoggiato a un ancinello1«È un papastro». «E ssarebbe2 «Un cardinale».

 

«Dite, e cquelantro3 in carrozzino?» «Quale?»
«, ccor fagotto pavonazzo.. . »4 «Ah, cquello
è un prelato che ttorna dar mascello».5
«E cchedè6 sto mascello?» «Er tribbunale».

 

«E sta siggnora in carrettella?» «Questa
è una puttana da scento monete,
c’ha ddritto de passà ppe ddonna onesta».

 

«Cqua in timonella7 chi cce va?» «Un dottore».8
«E in sta bbastarda un préncipe?» «No, un prete».
«E llí a cquattro cavalli?» «Un fornitore».

 

18 gennaio 1837

 




1 Uncinello.

2 Cioè?

3 Quell’altro.

4 I servi dei prelati portano, per insegna della dignità de’ padroni che sono in carrozza, un fardello di seta violacea.

5 Macello.

6 Che è?

7 Vettura a un solo cavallo.

8 Un medico.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License