Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1882. La mammana in faccenne

 

«Chi ccercate, bber fijjo?» «La mammana».
«Nun c’è: è ita a le Vergine1 a rriccojje».2
«Dite, e cquanto starà? pperché a mmimojje
je s’è rrotta llacqua ggiú in funtana».

 

«Uhm, fijjo mio, quest’è ’na sittimana
che jje se ssciojje3 a ttutte, je se ssciojje.
Tutte-quante in sti ggiorni hanno le dojje:
la crasse4 arta, la bbassa e la mezzana».

 

«E cche vvor 5 sta folla?» «Fijjo caro,
semo ar fin de novemmre; e ccarnovale
è vvenuto ar principio de frebbaro.

 

Le donne in zur calà la nona luna
doppo quer zanto tempo, o bben’o mmale
cqua d’oggni dua ne partorissce una».

 

31 gennaio 1837

 




1 In Via delle Vergini, così detta dal nome di un convento di monache.

2 Raccogliere.

3 Gli si scioglie, cioè: «viene loro il prurito di fare la tale o tal’altra cosa». Qui s’intende quale.

4 Classe.

5 Vuol dire.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License