Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1885. Er Mercante pe Rroma

 

Arto sei parmi e un terzo ariquadrato.
Spiegatelo: nun pare una tovajja?
Bber fazzoletto! E ar telaggio nun sbajja.
Quest’è acciaro, per dio! ferro filato.

 

Una piastra, e lo lasso a bbommercato.
Che?! A ssei ggiuli sto capo nun ze1 tajja.
Costa a mme ppiú de nove a Ssinigajja
da povero cristiano bbattezzato.

 

Si2 vvoi trovate chi vve facci er calo
manco d’un ette sott’ar prezzo mio,
da quell’omo che ssò3 vve l’arigalo.

 

Chi è cche vve lo ppe cquattr’e mmezzo?
er giudío? Dunque annate4 dar giudío,
ma ssarà un scarto: lo condanna er prezzo.

 

6 febbraio 1837

 




1 Non si.

2 Se.

3 Sono.

4 Andate.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License