Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1911. La pavura

 

S’abbuscò una pavura, una pavura,
che vvenne a ccasa com’un spiritato.
Pareva, a vvédelo, un panno lavato,
un morto esscito da la sepportura.

 

Io fesce1 quannentrò: «Cche ccos’è stato?
che vv’è ssuccesso, sor Bonaventura?
Nun è ggnente:2 mannateve3 addrittura
sto vino ggiú ccor carbone smorzato».

 

Ve sce fòssivo trova,4 sorIrene!
Sudava freddo: nun jera arimasta
’na gòcciola de sangue in ne le vene.

 

Eh? un omo accusí ttenero de pasta
sentí5 strilli e rrumori de catene!...
Eppoi disce uno er zangue je se guasta!

 

4 marzo 1837

 




1 Feci per dissi.

2 Niente.

3 Mandatevi.

4 Vi ci foste trovata.

5 Sentire.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License