Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1925. Le truppe de Roma

 

Che rrabbia è de sentí sti forestieri
de tremmonti,1 che, ssenzèsse2 romani,
arrivenoggi ar Popolo,3 e ddomani
ne sanno ppiú de li romani veri.

 

Vedi, dua de sti bbrutti sciarlatani
pe la ppiú ccurta l’ho ssentiti jjeri
4 mmale de li nostri bberzajjeri,5
civichi, capotori6 e zzampoggnani.7

 

Disce: «Futtre! aver nixe dissciprina».
Nun ze chiama uprí bbocca e ddajje fiato
er parlà a sta maggnera,8 eh Caterina?

 

S’informino, canajja sscemunita.
La dissciprina cquiggni bbon zordato9
va a ddàssela10ggni sera ar Caravita.11

 

11 marzo 1837

 




1 D’oltremonti.

2 Senza essere.

3 La porta del popolo, per cui si entra in Roma dal nord.

4 Dire.

5 Bersaglieri, specie di birri un po’ inciviliti.

6 Capitori, truppa capitolina, composta di artieri di Roma.

7 Zamboniani, del reggimento Zamboni.

8 A questa maniera.

9 Soldato.

10 Darsela.

11 Oratorio notturno.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License