Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

53. La pissciata pericolosa

 

Stavo a ppisscià jjerzéra llí a lo scuro
tra Mmadama Lugrezzia1 e ttra Ssan Marco,
quannecchete, affiarato2 com’un farco,
un sguizzero3 der Papa duro duro.

 

De posta3a me fa sbatte4 er cazzo ar muro,
poi llevamme er fongo:5 io me l’incarco:
e cco la patta in mano pijjo l’arco
de li tre-Rre, strillanno: vienghi puro.6

 

Me sentivo quer froscio7 a le tacche8
cor fiatone: «Tartaifel, sor paine,
pss, nun currete tante, ché ssò stracche».

 

Poi co millantre parole turchine9
ciaggiontava:10 «Viè cquà, ffijje te vacche,
che ppeveremo un pon picchier te vine».

 

Roma, 13 settembre 1830 - De Peppe er tosto

 

 




1 Busto mutilato di antica statua colossale, eretto contro un muro presso la chiesa di San Marco.

2 Avventato.

3 Uno svizzero. Leone xii aveva destinato uno svizzero della sua guardia per ognuna di varie chiese, onde armato di alabarda presiedesse nell’interno al rispetto del culto e al discacciamento de’ cani, e fuori impedisse le indecenti soddisfazioni de’ bisogni naturali.

3a A prima giunta.

4 Sbattere, per «urtar contro».

5 Vuol levarmi il cappello.

6 Venga pure.

7 Tedesco.

8 Dirmi alle spalle.

9 Inintelligibili.

10 Ci aggiungeva.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License