Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1944. Li cani d’un prete

 

«E ste ggioie de cani ve tenete?
E annate»,1 dico, «a ccaccia co stattrezzi?
Che vve ponno affermà2 sti cascappezzi
’na tartaruca ar piú ssotto le rete

 

«Eppuro questi», m’arispose er prete,
«sti ducaggnacci cqui, nnun ce 3 pprezzi
che li ponno pagà, pperché ssò(3) avvezzi
a nnun straccasse mai pe ffame o ssete.

 

Eppoi, sibbè4 rroggnosi o cche sse sia»,
disce, «nun troverai cani in eterno
da potejje5 stà appetto a ppulizzia».

 

Dico: «Eh cquann’è ppe ppulizzia, don Tale,6
mannateli a l’uffizzi der Governo,
ducani ppiú ddua meno è ppoco male».

 

28 maggio 1837

 




1 Andate.

2 Fermare.

3 Sono.

4 Sebbene.

5 Potergli, per «poter loro».

6 Appellazione generica di persona della quale non si conosca o non vogliasi declinare il nome.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License