Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1951. Un detto de detto

 

Ho ssentito ppropio de risbarzo1(màah! mmosca, veh! nun me ne fate utore)
che Llui, Su’ Santità Nnostro Siggnore
spesso se scola un quartarolo2 scarzo.

 

Sarà fforzi3 una sciarla c’hanno sparzo...
Sibbè,4 cquanno er zantomo sta d’umore,
un bicchiere de quello ppiú mmijjore
je va ggiú ccome un giuramento farzo.

 

Eppoi... se sa..., le feste de natale...
le pasque... che sso io... li corpusdommini...
er cristiano lo 5 cquarche bbucale.

 

Dunque a nnoi nun sta bbene er criticallo:
perché er Papa è un gran re de galantommini.
Si6 bbeve, è sseggno che ccià ffatto er callo.

 

5 giugno 1837

 




1 Di rimbalzo.

2 Una quarteruola di barile.

3 Forse.

4 Sebbene.

5 Vuole.

6 Se.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License