Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1957. La perpetuvella de la ggiuventú

 

Tant’ è,1 ppadron Girolimo: voi dite
un pezzo de Vangelio spiccicato.2
Pe le donne le fede der curato
dar ventiscinqu’in ssò3 attaccalite.

 

Loro credeno4 quanno vvistite5
e ttiengheno6 er pellame7 inammidato
e ddulibbre de stoppa in zur costato,
che vvoi la lor’età nnu la capite.

 

Vedi la mojje de quer pampaluco
der zor Taddeo? Pe ffà8 da fresca-donna,
se9 porta sempre a spasso er fijjo sciuco.10

 

E cchi nun cià11 ccrature12 piccinine
che jje sii13 madre, o, a la ppiú peggio, nonna,
va a ffàssele14 imprestà dda le viscine.

 

19 giugno 1837

 




1 Così è.

2 Identico.

3 Dai 25 anni in su sono ecc.

4 Esse credono.

5 Sono vestite.

6 Tengono.

7 La pelle.

8 Per fare.

9 Si.

10 Ciuco: piccolo.

11 Non ci ha: non ha.

12 Creature.

13 Alle quali sia.

14 A farsele.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License