Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1967. Er famijjare sporca-padrone

 

Pe Ppacca1 tanto, povero siggnore
co cquela bbella su’ disinvortura
sta ssempre che vve pare una cratura;2
e bbeato co llui chi è sservitore!

 

Ma er mastraccio de casa ha un certo core,
tiè un modo de guardà, un’incornatura,3
che cquanno parla, ve mette pavura
come si ffussi4 un Re, un Imperatore.

 

Io nun zo5 in che maggnera un pidocchioso6
che scardava7 la lana a un giulio ar giorno
abbi da èsse8 tanto superbioso.

 

Disce: «Ma cco l’essempio c’ha de Pacca
nun zaccorregge?».9 S’accorregge un corno.
L’umirtà nun è mmale che ssattacca.

 

17 gennaio 1838

 




1 Il cardinale Pacca.

2 Creatura.

3 Un cipiglio.

4 Se fosse.

5 Non so.

6 Miserabile, pezzente.

7 Cardava.

8 Abbia da essere.

9 Non si corregge?

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License