Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1976. Er disgrazziato

 

Manco-male: venítesce voi puro.1


Ma cche! nnun ho rraggione si mme2 laggno?
Vado, che pposso ?,... ppe ammazzà un raggno,
do un scivolone e sbatto er naso ar muro.3

 

Fo un zervizzio a un amico, e cce guadaggno
un carcio o un scappellotto de sicuro:
me tiro na carzetta a lo scuro,
e mme viè cco la punta sur carcaggno.

 

M’essce un ambo, e ho ggiucato er tern’a ssecco:
vojjo scrive4 er mi’ nome e ffaccio un scasso:
vojjo strucchià la bboccia e ccojjo ar lecco...

 

Inzomma, si5 cqui annamo de sto passo,
nun m’amancantro a mmé cche ddà de bbecco6
a ’na paggnotta e mme diventi un zasso.

 

24 marzo 1838

 




1 Veniteci a interloquire voi pure.

2 Se mi.

3 Sdrucciolo e batto, ecc.

4 Voglio scrivere.

5 Se mi.

6 Non manca a me altro che addentare.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License