Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1988. L’operazzione da la parte der cortile1

 

Che vve n’è pparzo?2 la faccenna è ita
come ve discev’io, core mio bbello?
Cona puncicatina de cortello
arièccheve3 cqua bbell’e gguarita.

 

E vvederete poi si4 sta ferita
in fonno ar perzichino o ar callarello
ve farà arivolà ccome un uscello,
e ssi sto tajjo v’aridà la vita.

 

Nun ce ttante sciarle: ir zor Baroni,
viva la faccia sua, è un pezzo grosso
d’accènneje, pe ddio, li lanternoni.

 

Quanno ve mette lui le manaddosso
fate puro5 ammanní li maccaroni
pe vvia che sséte6 ggià a ccavallo ar fosso.7

 

7 novembre 1838

 




1 Dalle parti diretane.

2 Paruto.

3 Eccovi nuovamente.

4 Se.

5 Pure.

6 Poiché siete.

7 Avete vinto, avete superato ogni ostacolo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License