Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1998. Er Cardinale da vero

 

Naturarmente è ccosa naturale
c’abbasta a ddajje una squadrata1 addosso
pe ccapí inzomma da tutto quer rosso
che SsuEminenza è ppropio un cardinale.

 

E ggnisuno sarà ttanto stivale
de scannajjà una bbruggna2 inzin’all’osso,
pe ppoi sartà cco ssicurezza er fosso
de discide:3 è ir tar frutto o ir frutto tale.

 

Sin c’ha ddunque er color de peperoni
e scarrozza a Ssan Pietr’in Vaticano,
è un cardinal co ttanti de cojjoni.

 

Metteje4 poi ’na mazzarella in mano,
dajjena camisciola e dduscarponi,
e allora te dirò: cquesto è un villano.

 

21 gennaio 1843

 




1 A dargli una guardata.

2 Da scandagliare una prugna.

3 Di decidere.

4 Mettigli.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License