Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2000. L’occhi der Papa

 

Chi? er Papa?! Ecco la prima che ne sento.
Propio lui?! Un zantomo come cquello
avé un par d’occhi da mette spavento,
manco fussi un caggnaccio de mascello?!

 

So cche cquannera frate ar zuconvento
l’ho sservito sempr’io da scarpinello,
e nun ciò ttrovo mai sto guardamento
che mm’abbi fatto arivortà er budello.

 

Ma ggià, ttu ppe un’occhiata che tte danno
un rospo, ’na tarantola o ’na sorca,
te ppissci sotto e scappi via tremanno.

 

Sai ch’edè ar piú sta pavuraccia porca?
È cc’un Papa tiè ssempre ar zucommanno
l’archibbusci, le carcere e la forca.

 

26 febbraio 1843

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License